Come rimanere in forma in vacanza

Anche in vacanza è possibile rimanere in forma senza privazioni. Dopo mesi di sacrifici fatti da allenamenti costanti e da una sana alimentazione, è giusto gratificarsi guardandosi in forma e con un buon stato di salute.

Frutta

Quali i consigli da seguire per non ritrovarci a settembre con quei fastidiosi chiletti in più?

  • Non saltare mai i pasti!

Quando siamo in ferie i nostri orari quotidiani variano, in primis la sveglia della mattina. Al di là dei tempi più lenti, è importante rispettare il numero dei pasti all’interno della giornata. Quando si saltano i pasti, l’organismo innesca meccanismi di difesa che creano un rallentamento del metabolismo. In aggiunta a questo, è da precisare che dopo un lungo periodo di digiuno, nel momento in cui ci si troverà a mangiare, il rischio “abbuffata” sarà elevato e questo porterà a scegliere alimenti ricchi di carboidrati, per compensare la mancata energia.

  • Importanza degli spuntini

Fondamentali per non arrivare troppo affamati ai pasti principali, vale a dire pranzo e cena. Anche stando in spiaggia è importante fare spuntini scegliendo alimenti ricchi d’acqua in grado di idratarci e utili a compensare i sali minerali che si perdono con la sudorazione. Preferire frutta fresca, yogurt e cruditè di verdure come carote e cetrioli. Limitare a qualche occasione il consumo di patatine, tarallini, stuzzichini e alimenti ricchi di sale responsabili del senso di pienezza che avvertiamo dopo il loro consumo. Bere con parsimonia bevande zuccherate e gassate che non idratano e apportano calorie inutili

(Leggi anche “Idratazione nello sport: l’acqua è un elemento indispensabile?”)

  • Fare attività fisica anche al mare!

Fare lunghe passeggiate in riva al mare sia la mattina presto che durante il tramonto, evitando le ore più calde della giornata. È importante mantenere il proprio tono muscolare proprio per evitare quei 2-3 chili in più al rientro dalle ferie.

 

  • Superflui i pranzi a base di sola frutta o gelato

Molto spesso si pensa che pranzare solo con del gelato sia una scelta giusta, ma non è cosi! Troppi zuccheri semplici, calorie sbilanciate e zero apporto di fibre e proteine. Inoltre poco dopo si avvertirà di nuovo il senso di fame, dovuto proprio al crollo del picco glicemico. In realtà anche in spiaggia si può fare un pranzo saziante e light che includa tutti i nutrienti (carboidrati, proteine, grassi, vitamine e fibre).

  • Come comportarsi al ristorante

Spesso in vacanza le possibilità di essere a cena fuori aumentano, quali piatti è meglio scegliere?

Si può optare per un secondo a base di pesce insieme a dei contorni, per esempio verdure grigliate. Proprio nel caso dei contorni di verdure è importante tenere a bada i condimenti, utilizzando dell’olio evo.

 

  • Come gestire il pranzo in spiaggia

Come detto sopra, è importante che ciascun pasto sia equilibrato e ben ripartito in tutti i nutrienti.

Ad esempio una piadina integrale con fette di bresaola e pomodoro oppure con del formaggio fresco a fiocchi e delle foglie di rucola, accompagnate da un pugno di mandorle a fine pasto. Altra idea sono le insalate di pasta facendo attenzione ad aggiungere una sola componente proteica (tonno o salmone affumicato o mozzarella o uovo sodo, ecc.)

Dott.ssa Gloria Cartelli - Biologa nutrizionista

fritttata

Mi occupo di nutrizione a 360°: svolgo consulenze nutrizionali ed elaboro piani alimentari personalizzati per bambini, adulti, sportivi presso uno studio medico associato a Lecce. Collaboro, inoltre, con il centro sportivo MUV a Lecce e con il centro Deha-Salute&Benessere a Porto Cesareo (Lecce). Nel Novembre del 2019 nasce il mio blog “Gloria al cibo” sul quotidiano online Lecce Prima (con uscita di oltre 100 articoli).