contratture muscolari

Contratture muscolari

Le principali cause delle contratture muscolari

contratture muscolari

La contrazione involontaria, insistente e dolorosa di uno o più muscoli viene definita contrattura muscolare, ed il muscolo coinvolto si presenta rigido e l’ipertonia delle fibre muscolari è apprezzabile al tatto.

La contrattura è di per sé un atto difensivo che insorge quando il tessuto muscolare viene sollecitato oltre il suo limite di sopportazione fisiologico. L’eccessivo carico innesca un meccanismo di difesa che porta il muscolo a contrarsi.

Le cause predisponenti sono correlate ai seguenti fattori:
• mancanza di riscaldamento generale e specifico
• preparazione fisica non idonea
• sollecitazioni eccessive, movimenti bruschi e violenti
• problemi articolari, squilibri posturali e muscolari, mancanza di coordinazione

Le zone interessate

La contrattura muscolare può interessare qualsiasi muscolo del corpo; più comunemente ad essere coinvolti sono uno o più muscoli di:

• schiena
• collo
• spalle
• cosce
• polpacci

contratture muscolari

Il dolore muscolare da contrattura solitamente insorge a distanza di qualche ora oppure il giorno seguente la pratica di un’attività sportiva.

Non è localizzato in un punto preciso, non dà impotenza funzionale immediata, ma rende il muscolo più sensibile durante il movimento.

Se compare dolore muscolare mentre si sta svolgendo un’attività fisica, questa dovrebbe essere interrotta: in questo modo si evita di sforzare ulteriormente il muscolo già traumatizzato e si avranno maggiori probabilità di recupero funzionale del muscolo in tempi brevi.

I rimedi

La prevenzione delle contratture è rivolta all’eliminazione dei fattori predisponenti, e nello specifico:

• eseguire sempre un adeguato riscaldamento
• assicurarsi di essere nelle condizioni fisiche idonee per sostenere lo sforzo
• coprirsi adeguatamente nei mesi invernali e, se necessario, utilizzate pomate specifiche durante la fase di riscaldamento
• concedersi i giusti tempi di recupero e di rigenerazione
• cercare di correggere eventuali squilibri muscolari e/o articolari

Per guarire da una contrattura normalmente sono sufficienti 3-7 giorni di stop, che potrebbero diventare molti di più se non si rispettano i giusti tempi di recupero.

È inutile e controproducente continuare a svolgere le attività sportive che evocano fastidio o dolore alla zona interessata.

Per accelerare il recupero sono utili massaggi o trattamenti osteopatici, fisioterapici che favoriscono l’afflusso di sangue ai muscoli.

Il calore è utile nel contrastare l’indolenzimento delle contratture muscolari, grazie alla sua capacità di stimolazione della circolazione sanguigna e dal contributo all’eliminazione dell’acido lattico che si accumula nelle fibre muscolari.